La responsabilità del Dirigente Scolastico

E’ fissata per LUNEDÌ 27 Febbraio ore 9,30, presso la Sala Bi.Bi.Service di Genova, Via XX Settembre 41, piano 3°, un’iniziativa formativa in cui affrontare il gravoso tema delle responsabilità del Dirigente Scolastico nel contenzioso dinanzi al Giudice del Lavoro.
Scopo dell’incontro è mettere a disposizione del Dirigente Scolastico elementi di supporto nella comprensione e nella gestione del contenzioso del lavoro, fornendo strumenti pratici per la costituzione in giudizio.
L’iniziativa si sviluppa con le modalità sottoindicate:
in presenza, con un incontro di 4 ore (dalle 9,30 alle 13,30) (aperta a tutti)
on line, con piattaforma dedicata, per un totale di 20 ore di studio (solo iscritti cisl)
La metodologia prevede una parte teorica avente ad oggetto l’esposizione in termini semplici ed accessibili a tutti dei principi generali in materia di contenzioso scolastico e delle fasi del processo dinanzi al Giudice del Lavoro e una parte pratica relativa alla risoluzione di casi pratici e all’analisi e alla redazione guidata dei principali atti processuali.

Parteciperà all’iniziativa come relatrice l’ Avv. Maria Rosaria Altieri -esperta di Diritto del Lavoro e contenzioso scolastico.
L’invito è rivolto in particolare ai Dirigenti Scolastici e ai docenti che intendono partecipare al prossimo concorso per dirigenti scolastici.
L’iniziativa, poiché promossa in collaborazione con IRSEF IRFED, consente di usufruire dei permessi per la formazione previsti dal CCNL SCUOLA ( art. 64 c.5) e dal CCNL Area V (art. 21 c.7).

                        Al termine del percorso formativo sarà rilasciato attestato.

Domanda Part Time

 Il termine per la presentazione delle nuove domande scade il 15 marzo 2017 (vale la data di assunzione a protocollo della scuola).
Il personale già titolare di contratto part-time da almeno un biennio che intende chiedere il rientro a tempo pieno dal 1° settembre 2017, deve produrre specifica domanda entro il
15 marzo 2017. La mancata richiesta del rientro è considerata una conferma del rapporto di lavoro a tempo parziale.
Il personale che intende modificare l’articolazione della prestazione del servizio, cioè il
numero delle ore settimanali o il tipo (orizzontale/verticale), deve presentare formale richiesta, tramite il dirigente scolastico entro il 31 maggio 2017.
Il termine ultimo per la presentazione della richiesta di revoca delle nuove domande di part-time è fissato rispettivamente:
– per il personale docente al 31 maggio 2017
– per il personale ATA al 30 giugno 2017
Successivamente a tali date non saranno accolte richieste, benché motivate (vale la data di assunzione a protocollo della scuola).

Ipotesi contratto mobilita’

Firmato nella serata di martedì 31 gennaio al MIUR il testo dell’ipotesi di contratto integrativo sulla mobilità del personale scolastico, verrà ora inviato per le verifiche di competenza al Dipartimento della Funzione Pubblica e al MEF. Un percorso che dovrebbe concludersi più o meno entro un mese con la definitiva sottoscrizione.

Proroga domanda di pensione

Si invia in allegato la nota MIUR prot. 2473 del 19/01/2017 con la quale, oltre a prorogare al 23 gennaio il termine delle funzioni di Istanze onLine per la presentazione delle domande di cessazione dal servizio, sono forniti i seguenti chiarimenti:

  • OPZIONE DONNA – I termini per la presentazione della domanda di dimissioni per l’opzione donna con “Istanze On Line” sono stati fissati dal 27 gennaio al 28 febbraio 2017
  • OTTAVA SALVAGUARDIA – Gli interessati devono presentare la domanda all’Ispettorato del lavoro competente entro il 2 marzo 2017
  • CUMULO DEI PERIODI ASSICURATIVI SENZA ONERI – La nota chiarisce che i periodi per i quali la legge di bilancio 2017 ha previsto il cumulo senza oneri sono utilizzabili sia per la pensione di vecchiaia sia per la pensione anticipata
  • APE (Anticipo Pensionistico) – La nota precisa che si è in attesa delle istruzioni da emanare con apposito DPCM; solo successivamente saranno comunicati modalità e tempi per la presentazione delle istanze

Decreto Milleproroghe

Il  Decreto Legge n. 244 del 29 dicembre 2016, all’art. 4,comma 4, ha disposto, per i docenti, il possesso esclusivamente dell’abilitazione, ai fini dell’inserimento nelle graduatorie di circolo e di  istituto, la proroga al 2019/2020. In pratica tale termine, che la legge 107 stabiliva al 2016/17, slitta di un triennio. Fino ad allora il possesso dell’abilitazione non sarà considerato requisito obbligatorio per accedere alle graduatorie. Di seguito il Decreto.

Collocamento a riposo

Il Miur ha pubblicato sul proprio sito web il decreto ministeriale  941 del 1 dicembre 2016 concernente il collocamento a riposo del personale scolastico a far data dal prossimo 1° settembre. Il termine di presentazione della domanda da parte del personale docente, educativo ed ATA (cessazione per raggiungimento del limite massimo di servizio; dimissioni volontarie; trattenimento in servizio sia per il raggiungimento del minimo contributivo sia per particolari motivi ai sensi dell’art. 1, comma 257, legge 208/2015) è fissato al 20 gennaio 2017.

TFA Sostegno

Il Miur ha pubblicato il DM n. 948/2016,  per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno. Il requisito per accedere alle prove di ingresso e ai relativi percorsi è l’abilitazione all’insegnamento. Possono  parteciparvi quindi, anche i diplomati magistrale entro l’a.s. 2001/02.
Sono ammessi senza svolgere alcuna prova in ingresso i candidati che hanno superato le precedenti selezioni relative a corsi di specializzazione su sostegno e che non hanno poi potuto terminare il corso.
I percorsi saranno attivati per l’anno accademico 2016/17 dai singoli  Atenei, e termineranno, entro e non oltre il termine dell’anno accademico 2016/7.

Pubblica Amministrazione: firmato l’accordo quadro sul contratto

Roma 30 novembre 2016

E’ stata siglata, dopo 8 anni di blocco della contrattazione nei settori della pubblica amministrazione, un’importante intesa con la quale il Ministero della Funzione Pubblica e CGIL, CISL e UIL hanno posto le basi per una ripresa dei negoziati per i rinnovi contrattuali in tutti settori ed i comparti e che, inoltre, rilancia il ruolo della contrattazione collettiva che negli ultimi anni era stato resa marginale per la crescente ingerenza della legge.

È un’intesa che rappresenta una svolta storica e fornisce indirizzi per una forte innovazione normativa da realizzare nei prossimi rinnovi contrattuali e che valorizza il ruolo e contributo del sindacato e delle rappresentanze dei lavoratori nei luoghi di lavoro. Si tratta quindi di una completa inversione di rotta dopo una fase di eccessiva rilegificazione del rapporto di lavoro. Continue reading “Pubblica Amministrazione: firmato l’accordo quadro sul contratto” »