Classe A058 – Graduatorie ed elenchi concorso straordinario.

È stata approvata la graduatoria di merito del concorso indetto con D.D.G 510 del 23 aprile 2020, modificato dal D.D.G. 783/2020, per la classe di concorso A058 per la regione Liguria.
Eventuali reclami o segnalazioni dovranno essere inviati all’indirizzo mail
drlo.ufficio7@istruzione.it entro e non oltre 5 giorni dalla sua pubblicazione.

1* MAGGIO 2021

L’Italia Si Cura con il lavoro”, questo lo slogan scelto da Cgil Cisl Uil per la Festa dei lavoratori di questo anno per ribadire con forza che la ripartenza in sicurezza per il nostro Paese è possibile. 
In una fase difficile della vita del Paese, in cui c’è bisogno di ripartire nel segno dell’unità, della responsabilità e della coesione sociale, Cgil, Cisl, Uil vogliono ribadire unitariamente il valore della centralità del lavoro, per ricostruire su basi nuove il nostro Paese ed affrontare con equità e solidarietà le gravi conseguenze economiche e sociali della pandemia. 
Il 2021 continua ad essere colpito dalla emergenza sanitaria che già lo scorso anno ha messo tutti a dura prova. Qualcosa però sta cambiando con la campagna vaccinale che rappresenta anche il simbolo della speranza che ci permetterà di poter uscire da questa calamità. 
Ripartire in totale sicurezza, consapevoli che il lavoro e il vaccino sono l’unica medicina possibile per poter garantire un futuro migliore. 
Non potendo organizzare le celebrazioni in modalità tradizionale, Cgil Cisl Uil hanno scelto di celebrare il Primo Maggio organizzando, unitariamente, tre distinti eventi sindacali che si svolgeranno presso alcuni luoghi simbolici del mondo del lavoro del nostro Paese. 
Il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, sarà all’acciaieria AST di Terni; il segretario generale della CISL, Luigi Sbarra, sarà all’Ospedale dei Castelli in località Fontana di Papa in provincia di Roma; il segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri, sarà davanti alla sede Amazon di Passo Corese, in provincia di Rieti. 
“Il tutto – spiegano in una nota unitaria – si svolgerà nel pieno rispetto delle regole anti Covid e con una presenza limitata di delegate e delegati”. 
.

Concorso straordinario

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE
DIARIO
Avviso relativo alle prove scritte suppletive della procedura straordinaria, per titoli ed esami, per l’immissione in ruolo di personale docente della scuola secondaria di primo e secondo grado su posto comune e di sostegno.
(GU n.32 del 23-4-2021)
Ai sensi e per gli effetti di quanto previsto all’art. 5, comma
1, del D.D. n. 510 del 23 aprile 2020 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – 4a Serie speciale – «Concorsi ed esami» n. 34 del 28 aprile 2020, si comunica che le prove scritte suppletive della procedura straordinaria, per titoli ed esami, per l’immissione in ruolo di personale docente della scuola secondaria di primo e secondo grado su posto comune e di sostegno si svolgeranno secondo il calendario pubblicato in data 23 aprile 2021 sul sito del Ministero dell’istruzione.
Ai sensi dell’articolo 400, comma 02, del Testo Unico, in caso di esiguo numero dei posti conferibili in una data regione, l’USR, individuato nell’Allegato B del D.D. n. 783 dell’8 luglio 2020 quale responsabile dello svolgimento dell’intera procedura concorsuale, provvede all’approvazione delle graduatorie di merito sia della
propria regione che delle ulteriori regioni indicate nell’Allegato B medesimo.
Pertanto, i candidati che abbiano presentato domanda per le regioni per le quali e’ disposta l’aggregazione territoriale delle prove, espleteranno le prove concorsuali nella regione individuata
quale responsabile della procedura concorsuale.
L’elenco delle sedi d’esame, con la loro esatta ubicazione, con l’indicazione della destinazione dei candidati, e’ comunicato dagli USR responsabili della procedura almeno quindici giorni prima della
data di svolgimento delle prove tramite avviso pubblicato nei rispettivi Albi e siti internet. L’avviso ha valore di notifica a tutti gli effetti.
I candidati in possesso di provvedimento giurisdizionale favorevole sono tenuti a presentarsi per sostenere la prova scritta suppletiva, muniti di un documento di riconoscimento in corso di validita’, del codice fiscale, della ricevuta di versamento del contributo di segreteria e di copia del provvedimento giurisdizionale che ammette a sostenere le prove suppletive. La prova scritta avra’ la durata di 150 minuti, fermi restando gli eventuali tempi aggiuntivi di cui all’articolo 20 della legge 5 febbraio 1992, n. 104.
Ogni ulteriore informazione e documentazione inerente alla procedura concorsuale e’ disponibile all’indirizzo https://www.miur.gov.it/web/guest/procedura-straordinaria-per-immissione-in-ruolo-scuola-secondaria

25 Aprile 1945 – 25 Aprile 2021


Fare memoria della Liberazione significa anche oggi farsi carico responsabilmente dell’impegno necessario per battere il male e fare il bene di tutti, anche di chi quel male non sa o non vuole vederlo. La perenne attualità della Resistenza nel bell’editoriale di Marco Tarquinio su Avvenire del 25 aprile 2021.

Le lotte di resistenza e di liberazione da un grande male, da un’iniquità, da un’insidia terribile si fanno perché sono giuste e perché sono per tutti. Anche per quelli che al male non credono, di resistenza non vogliono sentir parlare e la liberazione l’intendono soltanto a modo loro. 

La Resistenza al nazifascismo è stata fatta per tutti, anche per quelli che combattevano dalla nera parte sbagliata. E la Liberazione è maturata per tutti. È cominciata il 25 aprile 1945 e si è completata tra il 2 e il 22 giugno 1946, con la nascita della Repubblica e con la pacificante amnistia che porta il nome di Togliatti e il sigillo di De Gasperi. Canti e bandiere al vento, armi poco a poco riposte, errori e orrori smessi e superati: una pietra sulla guerra e sulla guerra civile, non sulla memoria necessaria, non sui torti e sulle ragioni. Molti hanno avuto torti, ma quelli che grazie a Dio hanno vinto, i partigiani e le partigiane, i soldati del ricostituito Esercito italiano, avevano infinitamente più ragione. E continuano a meritare il nostro grazie e sono ancora oggi il nostro orgoglio e la linfa della democrazia repubblicana. 

Bisogna ripeterlo, bisogna sapercelo dire e ridire, mentre gli anni passano, gli eventi si fanno più lontani e diminuiscono i protagonisti e testimoni diretti di quel primo “25 aprile” e del coraggio, del dolore e del sangue che ci vollero per conquistarlo insieme: credenti e no, politicamente bianchi, rossi, verdi e azzurri. Bisogna custodire e rinnovare il senso della Resistenza e della Liberazione. E tanto più ora, in un tempo in cui, a causa di una pandemia tutt’altro che finita, la minaccia al bene di tutti non è solo e gravemente sanitaria ed economica. In questione c’è ancora e sempre la nostra vera libertà e la nostra intera umanità, e anche questa è cosa che riguarda tutti, pur se la solidarietà a qualcuno sembra superflua e addirittura dannosa. In questione c’è la resistenza a una visione per cui se sei giudicato “irrilevante” diventi invisibile o visibile solo attraverso caricature di comodo. In questione, in definitiva, c’è il concreto valore della vita e della morte. 

I partigiani di ieri presero partito per la vita, contro un’ideologia di morte che faceva della distruzione dell’altro l’idea-guida di un vagheggiato impero millenario. I resistenti di oggi devono farlo opponendosi a chi torna a prendere partito per la morte davanti all’agonia degli “irrilevanti”. C’è da resistere a nuovi torti senza nessuna ragione. Di chi non vede i “clandestini” quando annegano. Di chi non si preoccupa dei vecchi e dei fragili che a centinaia ogni giorno anche in Italia continuano a soffocare a causa del Covid (perché il Covid e la lotta al Covid sarebbero un “complotto”). Di chi considera la scuola in sicurezza dei nostri ragazzi e ragazze un lusso che non possiamo permetterci perché le cose “serie” e prioritarie sono ben altre. E, di nuovo, la Resistenza va fatta per tutti, anche per quelli che non ci credono.

AUGURI DI BUONA PASQUA

Piero della Francesca, Resurrezione, Museo di Sansepolcro (AR)

Sarà anche quest’anno una Pasqua insolita, che ci vede costretti a limitare i contatti con le altre persone e impossibilitati a vivere come vorremmo anche riti e consuetudini in cui la dimensione comunitaria è sempre stata componente essenziale.

Ma non dobbiamo sentirci soli, quando siamo partecipi di un grande sforzo corale per affrontare e superare una comune emergenza. Anche nel vivere questa Pasqua l’isolamento non sarà sinonimo di solitudine, se sapremo cogliere nella sua vera essenza il messaggio che la festa rivolge a tutti e non solo ai credenti.

La Resurrezione di Gesù, dopo le sofferenze, il Calvario e la morte, sia allora un segno di fiducia e di speranza in cui tutti possiamo riconoscerci e stringerci insieme. Buona Pasqua!

Scuola: Cisl, calendario non cambierà

Gissi, ogni istituto valuterà esigenze e carenze studenti

24 Febbraio , 13:24
(ANSA) – ROMA, 24 FEB – “Come organizzazioni sindacali abbiamo rappresentato l’insostenibilità di un prosieguo dell’anno scolastico in modo indistinto per tutti e abbiamo trovato da parte del ministro una grande e positiva accoglienza”. Lo ha detto la segretaria della Cisl Scuola Maddalena Gissi al termine dell’incontro con il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi. Secondo quanto ha riferito all’ANSA Gissi, il ministro ha chiesto ai sindacati di ringraziare il personale della scuola al quale ha espresso stima per l’impegno profuso, ed ha sottolineato che le scuole nella loro autonomia valuteranno i bisogni e le esigenze formative degli alunni. Il ministro – che già nei giorni scorsi aveva evidenziato che la scuola in questi mesi ha continuato a lavorare – ha assicurato che ogni istituto valuterà quali sono le esigenze e coordinerà eventuali interventi per andare incontro alle situazioni più disagiate. “Il ministro ci ha accolto empaticamente e ha presentato la sua idea di scuola con chiarezza e determinazione. Ha mostrato grande capacità di ascolto e di presa in carico dei problemi a partire dalla questione dell’ emergenza contagio data la diffusione delle varianti nelle scuole”, ha concluso Gissi. (ANSA).


CIAO ERMANNO….TI VOGLIAMO BENE!

Ci ha lasciati oggi il nostro Ermanno Segalini. Un vuoto che sarà difficile colmare per un’organizzazione cui ha dedicato impegno, passione, competenza, generosità. L’attività sindacale è stata per lui una scelta direttamente conseguente a valori testimoniati in ogni aspetto della sua vita: amore per il prossimo, salda coscienza civile, solidarietà sempre convintamente e concretamente praticata. Lo ricordiamo come persona di intelligenza e preparazione non comuni, che ne hanno fatto un punto di riferimento importante, autorevole e apprezzato da lavoratrici e lavoratori della formazione professionale e della scuola non statale, settori ai quali ha dedicato fino all’ultimo il suo servizio. Con commozione, affetto e gratitudine ci stringiamo alla moglie Alessandra e ai figli Valentina, Fabiana, Elias, Irene nel ricordo e nella preghiera.

Assistenti Amministrativi: supplenze a.s. 2020/2021

L’ Ambito Territoriale di Genova sta procedendo con le assunzioni a tempo determinato del personale amministrativo inserito nella graduatoria provinciale di II FASCIA.

Gli aspiranti inclusi nelle graduatorie DOVRANNO compilare e a ritrasmettere entro martedì 8 settembre all’ Ufficio Scolastico tramite mail (simone.costantino1@istruzione.it ) il modello predisposto dall’ Amministrazione per  la scelta delle sedi, unitamente a copia di documento di identità valido e di codice fiscale.

GPS – GENOVA

Sul sito dell’A.T. di Genova (www.istruzionegenova.it ) sono state pubblicate in giornata le graduatorie provinciali per le supplenze (GPS) definitive della provincia di Genova – posto comune e sostegno – del personale docente della scuola dell’infanzia, della scuola primaria, della scuola secondaria di I e II grado e del personale educativo, valevoli per il biennio 2020/2021 e 2021/2022.  Nel decreto di pubblicazione, l’Amministrazione precisa che gli aspiranti sono ammessi nelle graduatorie con riserva di accertamento del possesso dei requisiti pertanto la stessa può disporre, con provvedimento motivato, l’esclusione dei candidati non in possesso di uno dei citati requisiti di ammissione, in qualsiasi momento durante la vigenza delle graduatorie. L’Amministrazione si riserva fin d’ora, ai sensi della Legge n. 241/90, la possibilità di attivare i provvedimenti di autotutela che dovessero rendersi necessari. Avverso il provvedimento è ammesso ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni, oppure ricorso giurisdizionale al competente T.A.R. entro 60 giorni.